2 alleati per Conquistare e Mantenere il Tuo Peso Forma

Prima di iniziare a parlare, più nello specifico di dimagrimento e controllo del peso, voglio introdurre due concetti fondamentali che, chiunque si sia, almeno una volta, sottoposto ad una dieta o un regime alimentare controllato, ne ha sentito parlare. Stiamo parlando dei termini “caloria” e “metabolismo basale”, sui quali spesso c’è molta confusione. Quindi facciamo un po’ di chiarezza:

caloriaCaloria

Chiunque si sia cimentato con una dieta o abbia affrontato il problema del dimagrimento ha parlato almeno una volta di calorie. Così come molte parole di uso comune, il termine “caloria” è di frequente usato a sproposito. Spesso, quando chiedo a qualcuno se mi può spiegare cos’è effettivamente una caloria, quello che ottengo sono sguardi stupiti e risposte confuse.

Questo perché oggi, grazie alla comunicazione costante verso di noi da parte dell’industria delle diete, quando si parla di calorie il nostro pensiero va subito al controllo del peso e al mantenimento della linea, oppure a qualche comunicazione pubblicitaria su una nuovo yogurt che “…è buonissimo e ha solo 50 calorie”.

Facciamo quindi un po’ di chiarezza su questo concetto base prima di capire come possiamo servircene nel nostro progetto di ritrovare e mantenere il peso forma. Una caloria, per definizione, è la quantità di calore necessaria per far aumentare di un grado centigrado, per la precisione da 14.5 a 15.5 °C, la massa di un grammo di acqua al livello del mare. È quindi la misura di un’energia usata, appunto, in termodinamica.

Il primo errore comune che si commette è quello di parlare di calorie quando ci riferiamo ai cibi e alla nutrizione. In questo caso, infatti, sarebbe necessario parlare di “kilocalorie”, ove una kilocaloria equivale a mille calorie. Quando comunemente diciamo “questo cibo apporta 350 calorie”, stiamo in effetti parlando di kilocalorie e ci riferiamo alla misurazione fatta, per quel determinato cibo, da un apposito strumento chiamato “bomba calorimetrica”.

bomba calorimetricaQuesto strumento permette di stimare il calore prodotto dalla combustione di quel cibo, misurato come riscaldamento di una predeterminata quantità di acqua. Con una considerazione molto elementare potremmo dire che nel momento in cui un cibo viene bruciato in questo strumento, più produce calore, ovvero più riscalda l’acqua usata come riferimento, più le sue “calorie” saranno elevate. Quindi, ai fini pratici, la sua assunzione renderà più problematico il controllo del nostro peso.

Per conoscere il contenuto calorico dei cibi più comuni, si possono usare oggi comode tabelle su internet. Conoscere questi concetti di certo non ci aiuta a dimagrire ma quantomeno ci permette di non farci cogliere impreparati se qualcuno ci chiede di cosa stiamo parlando.

metabolismo basaleMetabolismo basale

Altro importante concetto da chiarire prima di poter parlare di dimagrimento, è quello di “metabolismo basale”. Come nel caso della caloria, anche questo termine è usato spesso a sproposito e solo pochi, tra quelli che lo utilizzano, ne conoscono il significato esatto e soprattutto sanno come servirsene.

Se hai come me superato gli “enta” (io a dir la verità ho superato anche gli “anta” 🙂 ) probabilmente avrai notato che qualcosa è cambiato nella risposta del tuo corpo al modo in cui lo alimenti. Se prima potevi eccedere a tavola senza grandi ripercussioni sul tuo peso, ora la tua tendenza ad accumulare grasso in punti indesiderati, come la vita per gli uomini o i fianchi per le donne, è decisamente aumentata.

Ovviamente la soglia dei trentanni è solo indicativa: questa cifra varia molto in base ai singoli individui e ci riferiamo qui alla maggioranza delle persone. Comunque sappi che si tratta solo di uno degli effetti del fisiologico rallentamento del metabolismo basale che deriva dall’invecchiamento del nostro corpo, sul quale però, come vedremo, possiamo agire in modo molto efficace.

Con il termine “metabolismo basale” si intende la quantità di calorie, e quindi l’energia, che il nostro corpo consuma quando è a riposo. Comprende l’energia necessaria per mantenere attive le funzioni metaboliche vitali quali la respirazione, la circolazione sanguigna, la digestione, l’attività del sistema nervoso ed altre azioni che sono spesso involontarie. Normalmente costituisce almeno il 50% del dispendio calorico totale della nostra giornata.

Il metabolismo basale, se sai come servirtene, può essere uno dei tuoi principali alleati per il dimagrimento e il mantenimento del peso forma. Con le giuste strategie puoi quindi trasformare il tuo metabolismo basale in un alleato per conquistare e mantenere il tuo peso ideale.

Però, prima di entrare nel dettaglio e spiegare come fare, nel post della prossima settimana cercheremo di capire come funziona il nostro organismo sotto l’aspetto della trasformazione dei cibi in energia e in riserva. Per non perderlo iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter. Inserisci il tuo nome e la tua migliore mail nel box che trovi a questa pagina e verrai avvisato all’uscita di ogni nuovo articolo. Potrai inoltre scaricare il report gratuito “Dimagrire senza stare a Dieta” dove scoprirai i 5 segreti per dimagrire in modo naturale e senza fare la dieta.

Ti aspetto

Simone

Rispondi